Affitto di azienda: l’affittuario non subentra nel Patent Box del locatore

Affitto di azienda: l’affittuario non subentra nel Patent Box del locatore

Nella conclusione dell’Agenzia delle Entrate contenuta nella risposta ad interpello nr. 88 del 25 marzo 2019, pubblicata in data 28.03.2019, si precisa che l’affitto di azienda comprensivo del bene immateriale su cui il locatore aveva ottenuto il riconoscimento dell’agevolazione Patent Box mediante accordo preventivo con la competente Direzione Generale dell’Agenzia delle Entrate, non consente all’affittuario di subentrare nell’agevolazione già attivata dal locatore. Ne consegue che, per effetto dell’affitto di azienda, il locatore decade dal beneficio perché non più soggetto che realizza lo sfruttamento economico del bene immateriale, mentre all’affittuario non resta che esercitare – in presenza delle relative condizioni e presupposti – una nuova ed autonoma opzione per il regime di Patent Box considerando il bene acquisito a titolo derivativo.

Il ragionamento dell’Agenzia delle Entrate risulta essere fondato sul fatto che ai fini del regime di Patent Box l’affitto di azienda non presenta la medesima natura di operazione neutrale e successoria per cui l’avente causa può automaticamente subentrare nell’opzione esercitata dal dante causa.

 

Lascia un commento