Editor

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 29/07/2015 il decreto che rende operativo il credito d’imposta sulle spese in ricerca e sviluppo.
L’agevolazione è fruibile da tutte le imprese senza limiti di fatturato, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico in cui operano e dal regime contabile adottato.

L’agevolazione fiscale è pari al 25% delle spese incrementali sostenute annualmente nel periodo 2015-2019 rispetto alla media realizzata nei tre anni precedenti.
L’aliquota è elevata al 50% per le spese relative all’impiego di personale qualificato e per quelle relative a contratti di ricerca con università o altri enti equiparati e con start-up innovative.
L’investimento minimo per accedere allo sgravio fiscale è pari a 30 mila euro mentre il beneficio massimo annuale è ammesso fino a 5 milioni di euro per ciascun soggetto.
Si riportano le parole di soddisfazione manifestate dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan. ‘L’innovazione è essenziale per consentire al Paese di crescere e per creare occupazione di qualità. E’ una sfida – ha spiegato il ministro – che le imprese sono chiamate ad affrontare con il sostegno del governo”.

3 Agosto 2015

E’ operativo il credito di imposta per R&S

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 29/07/2015 il decreto che rende operativo il credito d’imposta sulle spese in ricerca e sviluppo. L’agevolazione è fruibile da tutte le […]
3 Agosto 2015

Firmato il decreto di attuazione del patent box

E’ stato firmato dal Ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, e dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, il decreto di attuazione del c.d. […]
30 Luglio 2015

Al via la campagna sociale del progetto “fakeshare”

A far data dal 21 luglio 2015 ha preso il via il Progetto denominato “FAKESHARE” cofinanziato dalla Commissione Europea che – tramite i social media Facebook e […]
29 Luglio 2015

E’ nato il sito web “ideas powered”

Dal 23 luglio 2015 è online il sito web “Ideas Powered” portale interattivo europeo ove si possono leggere i contributi provenienti da designer, artisti ed interessati della materia della P.I. […]