Blog Vero

La Corte di Giustizia dell’UE è chiamata a dare una risposta alla questione sollevata dal titolo di questo post: si può usare la dicitura “Sorbetto allo Champagne”, anzi “Champagner Sorbet” se in quel sorbetto c’è solo il 12% di Vino di Champagne?

La risposta può sembrare materia per tecnici, ma, in realtà, ha a che fare con le nostre scelte di consumatori e, dunque, con la vita di tutti i giorni.

Spesso ci troviamo di fronte ad un prodotto elaborato che – ci viene detto – contenga un prodotto contraddistinto da una DOP. Ci capita, ad esempio, quando siamo in gelateria e possiamo scegliere tra un gelato al gusto di pistacchio di un paese dell’Etna e un gelato al gusto di nocciola piemontese. Ci capita quando siamo al ristorante e possiamo scegliere tra una pasta con agnello di Sardegna o una con Gorgonzola.

Come consumatori dobbiamo solo fidarci o potremmo pretendere qualcosa di più? I produttori delle DOP sono d’accordo con questi usi? Potrebbero vietare questa pratica anche se il prodotto che viene offerto contenesse effettivamente quella DOP oppure possono farlo solo se la quantità è troppo modesta o se le modalità di offerta non sono compatibili con il disciplinare della DOP in questione?

Per questo è interessante leggere le conclusioni dell’Avvocato Generale M. Campos SÁNCHEZ-BORDONA della Corte di Giustizia dell’UE che lo scorso 20 Luglio ’17 ha presentato le proprie Conclusioni nella Causa C‑393/16 che vede, da una parte, il Comité Interprofessionnel du Vin de Champagne (l’associazione che riunisce i produttori di Vin de Champagne) e, dall’altra parte, la nota catena di supermercati Aldi (segnatamente la Aldi Süd Dienstleistungs-GmbH & Co.OHG) e il produttore del sorbetto allo champagne Galana NV.

Le conclusioni possono essere consultate tramite questo link.

L’immagine frontale del prodotto di cui si discute è la seguente e dagli atti di causa risulta che la quantità di Vino di Champagne nel prodotto era (probabilmente, è) il 12%.

 

Le norme rilevanti – e nessuna di esse appartenente al diritto dei marchi in senso stretto – sono due: il Regolamento UE n. 1308/2013 sull’etichettatura dei vini[1] e la Direttiva  UE sulla pubblicità, l’etichettatura e la presentazione dei prodotti alimentari[2].

A tali due blocchi di norme vanno poi aggiunte le Osservazioni della Commissione UE in materia[3] che non hanno carattere vincolante ma che – anche a giudizio dell’Avvocato Generale Sanchez-Bordona – colgono il corretto bilanciamento dei diritti delle parti.

Di fatto, dice la Commissione e sembra confermare l’Avvocato Generale, le condizioni da accertare sono tre:

  • La prima condizione è che non esistano altri “ingredienti comparabili” a quelli tutelati da una DOP. Nel caso di specie, secondo l’Avvocato Generale Sanchez-Bordona nulla sembra deporre nel senso che lo «Champagner Sorbet» contenga altri ingredienti simili al vino spumante protetto dalla DOP in grado di sostituirlo.
  • La seconda condizione è che l’utilizzo dell’ingrediente sia in quantità sufficiente per conferire una caratteristica essenziale al prodotto alimentare. E qui dice l’Avvocato Generale Sanchez-Bordona che “l’elemento quantitativo non sempre è il più importante per conferire una caratteristica essenziale al prodotto alimentare Normalmente, trattandosi di alimenti, quest’ultima sarà data dall’aroma e dal sapore che l’ingrediente protetto dalla DOP apporta loro, benché possano sussistere altri elementi significativi (e di conseguenza) spetterà, ancora una volta, al giudice nazionale, sulla base delle prove esperite e della propria valutazione dei fatti, accertare se l’aggiunta di vino di Champagne fornisca al sorbetto una caratteristica essenziale nel senso appena esposto.
  • La terza condizione ha a che fare con lo sfruttamento della notorietà della DOP: l’accertamento nel merito risulta complesso perché occorre riferirsi ad un consumatore dotato di media attenzione e avvedutezza che può essere spinto all’acquisto per il solo fatto della presenza del prodotto DOP all’interno del prodotto elaborato.

Chissà cosa deciderà la Corte, o meglio, quali indicazioni darà al giudice tedesco che gli ha chiesto l’interpretazione pregiudiziale?

Nel mentre, potremmo iniziare a farci più domande o leggere meglio le etichette dei prodotti.


[1] Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, recante organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli e che abroga i regolamenti (CEE) n. 922/72, (CEE) n. 234/79, (CE) n. 1037/2001 e (CE) n. 1234/2007 (GU 2013, L 347, pag. 671).

[2] Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 marzo 2000, relativa al ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri concernenti l’etichettatura e la presentazione dei prodotti alimentari, nonché la relativa pubblicità (GU 2000, L 109, pag. 29).

[3] Comunicazione della Commissione (GU 2010, C 341, pag. 3).

1 Agosto 2017

Si può usare la dicitura “Sorbetto allo Champagne”, anzi “Champagner Sorbet” se in quel sorbetto c’è solo il 12% di Vino di Champagne?

La Corte di Giustizia dell’UE è chiamata a dare una risposta alla questione sollevata dal titolo di questo post: si può usare la dicitura “Sorbetto allo […]
10 Luglio 2017

Il Tribunale UE dice no anche ai marchi di posizionamento che generano squilibrio e asimmetria

Il 4 luglio scorso il Tribunale UE ha negato la registrabilità di questo marchio depositato dalla nota società Pirelli Tyre SpA come marchio dell’UE presso l’EUIPO. […]
27 Giugno 2017

Il rapporto tra Design e Diritto d’Autore

La Direttiva sulla protezione giuridica dei Disegni e Modelli 98/71/CE, finalizzata all’armonizzazione delle legislazioni dei paesi dell’allora Comunità Europea (oggi Unione Europea) in tema di disegni […]
11 Maggio 2017

I Marchi UE e il principio di unità dei segni distintivi: a proposito del caso Laguiole C-598/14

Sentenza della Corte di giustizia nella causa C-598/14 P – EUIPO/ Szajner (LAGUIOLE) Una recente sentenza della Corte di Giustizia riporta l’attenzione su un aspetto sempre […]