Il rapporto tra Design e Diritto d’Autore

Il rapporto tra Design e Diritto d’Autore

La Direttiva sulla protezione giuridica dei Disegni e Modelli 98/71/CE, finalizzata all’armonizzazione delle legislazioni dei paesi dell’allora Comunità Europea (oggi Unione Europea) in tema di disegni e modelli industriali affinché si creasse il terreno comune per la nascita di un Disegno e Modello Comunitario, prevede il principio della cumulabilità tra le tutele.

Stabilisce pertanto che un disegno o modello può godere in uno Stato Membro anche della protezione come diritto d’autore, alle condizioni e con l’estensione prevista dallo Stato Membro.

In Italia si prevede che la protezione di un disegno o modello duri 5 anni, rinnovabili fino a un massimo di 25, mentre la protezione del diritto d’autore, accordata alle opere che presentino di per sè carattere creativo e valore artistico, dura tutta la vita dell’autore e 70 anni dopo la sua morte.

L’art. 239 del Codice italiano della Proprietà Industriale, oggetto di successive modificazioni, prevede il periodo transitorio di moratoria allo scopo di tutelare coloro che in buona fede avevano copiato opere protette da diritto esclusivo di disegno e modello passate a essere di dominio pubblico per il decorso del periodo massimo di protezione, prima che tale protezione esclusiva riprendesse in virtù dell’applicazione del diritto d’autore.

La giurisprudenza italiana ed europea rilevante in questo ambito ricomprende le seguenti sentenze.

Corte di Giustizia della UE: C/168/09, Flos SpA v. Semeraro Casa e Famiglia SpA, Interveniente Assoluce (Associazione nazionale delle Imprese degli Apparecchi di Illuminazione) – 27 gennaio 2011

Tribunale di Milano, Sezione specializzata in materia di impresa, Sezione A: n. 2311/14, Cassina SpA v. High Tech Srl – 17 febbraio 2014

Sentenza del Tribunale

Corte di Cassazione, Prima Sezione Civile: n. 23292, Metalco SpA e Metalco Srl v. City Design SpA e City Design Srl – 13 novembre 2015

Corte di Cassazione, Prima Sezione Civile: n. 7477, Thun SpA v. Egan Srl – 23 marzo 2017

Sentenza della Corte di Cassazione

 

 

Lascia un commento