Pescara – 28 novembre 2018

Pescara – 28 novembre 2018

LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO

INFORMAZIONI

OBIETTIVI

Il prossimo 28 novembre, nell’ambito del Progetto Marchi e Disegni Comunitari 2018, la Camera di Commercio di Chieti-Pescara, in collaborazione con l’Ufficio Europeo per la Proprietà Intellettuale, l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, il Consorzio Camerale per il credito e la finanza organizza un seminario in materia di proprietà intellettuale.

Il seminario è indirizzato ai cosiddetti “millennials” con la finalità di fornire loro gli strumenti pratici e le informazioni essenziali per poter sfruttare, con maggiore consapevolezza, le proprie creazioni senza generare conflitti con diritti di terzi.

L’iniziativa è, quindi, diretta principalmente agli studenti e andrà ad approfondire cosa sia – sul piano operativo – un’opera creativa originale tutelabile giuridicamente.

La piena comprensione di tale concetto non è un puro esercizio teorico, in quanto ha un impatto cruciale nel lavoro dei giovani designer/creativi.

La mancanza di consapevolezza in tal senso genera, infatti, un paradosso: da un lato c’è chi lavora rendendo i propri progetti facilmente appropriabili, dall’altro c’è chi ritiene sempre e necessariamente nuovi ed originali i propri lavori non tenendo conto di quanto è già stato tutelato da altri.

La partecipazione al seminario è, in ogni caso, aperta a tutti coloro (cittadini, professionisti, imprese, artisti, …) che quotidianamente si confrontano con i diritti di proprietà intellettuale. Nel corso dei lavori i pescaresi potranno approfondire cos’è la proprietà intellettuale: se essa sia una risorsa o una potenziale minaccia.

Del resto il titolo che si è dato alla giornata ricalca quello di uno studio dell’EUIPO (denominato European citizens and intellectual property:perception, awareness, and behaviour) che ha rilevato come tra i cittadini europei sia diffusa la consapevolezza dell’opportunità di tutelare la proprietà intellettuale ma a tale consapevolezza non corrisponde, in molti casi, un comportamento coerente con tale affermazione.

Detto in altre parole, lo studio ha rilevato che molti cittadini ritengono che sia giusto contrastare la contraffazione ma un numero non esiguo è parte attiva nel facilitarne la diffusione comprando prodotti contraffatti o scaricando illegalmente contenuti protetti dal diritto d’autore.

PROGRAMMA
ISCRIVITI

Compila la form sottostante per iscriverti all'evento:

Nome (richiesto)

Cognome (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono

Società

Via (richiesto)

CAP (richiesto)

Città (richiesto)

Provincia (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Copia i caratteri che vedi nell'immagine sottostante:
captcha

Autorizzo al trattamento dei dati personali in accordo con Regolamento UE 2016/679

Lascia un commento