Blog Vero

ADIDAS è senza dubbio un marchio famoso, nato dalla crasi tra il nomignolo del suo creatore, Adolf detto Adi, e le prime tre lettere del suo cognome, Dassler, ma non è l’elemento maggiormente distintivo della rinomata società tedesca.

Il logo ADIDAS denominato “trifoglio” è senza dubbio un logo famoso, così come il più recente logo ADIDAS a forma di trapezio, ma non sono nemmeno questi gli elementi più distintivi della rinomata società tedesca, a meno che non ci si concentri sull’unico elemento in comune tra i due loghi in questione, vale a dire le tre strisce.

Le tre strisce del marchio ADIDAS sono l’elemento più riconoscibile, anche a distanza, del colosso teutonico, e sono oggetto di numerose registrazioni di marchio in tutto il mondo e di strenue difese nei tribunali contro chi voglia adottare non necessariamente tre ma delle strisce in generale su abbigliamento e calzature per lo sport e il tempo libero, al punto che loro stessi si definiscono come “il marchio con le tre strisce”.

Ma è possibile che qualcosa stia cambiando.

19 giugno 2019. Il Tribunale dell’Unione Europea conferma la decisione della Commissione Ricorsi dell’EUIPO che comporta la cancellazione per mancanza di carattere distintivo, sia intrinseco che acquisito in seguito all’uso, della registrazione di marchio figurativo dell’Unione Europea n. 12442166 della società Adidas AG, descritto come “Il marchio è costituito da tre strisce parallele equidistanti di uguale larghezza, applicate sul prodotto in qualsiasi direzione.”

28 gennaio 2020. La Corte d’Appello dell’Aja rigetta il ricorso della società Adidas AG contro la società H&M considerando che non sussiste possibilità di confusione tra le tre strisce parallele dell’Adidas registrate come marchi figurativi con effetto in Benelux:

e le due strisce parallele della collezione “Work Out” della H&M:

La situazione in cui si trova ADIDAS è molto simile a quella di CONVERSE, un marchio forte come il gemello ALL STAR che cerca disperatamente di proteggere quello che viene considerato l’elemento maggiormente distintivo, e ultimamente molto copiato, delle iconiche calzature: il bordo e la punta di gomma.

Come cantava Zucchero, “non c’è più rispetto…”

© Edoardo Fano

17 Febbraio 2020

Se Adidas perdesse il monopolio sulle tre strisce

ADIDAS è senza dubbio un marchio famoso, nato dalla crasi tra il nomignolo del suo creatore, Adolf detto Adi, e le prime tre lettere del suo […]
20 Gennaio 2020

Confezione TIC TAC: distintiva sì; funzionale e/o estetica no

Una recente decisione del Tribunale di Torino (n. 5140/2019 del 12/11/2019) permette di analizzare nel dettaglio la differenza tra un marchio e la sua capacità distintiva, […]
16 Dicembre 2019

Sulle ali (del marchio) della vittoria

Rhea ha 11 anni, è filippina, e il suo nome nell’antica mitologia greca era quello di una dea, figlia di Gea (la terra) e Urano (il […]
31 Ottobre 2019

Forme e risultati tecnici: l’annullamento del marchio di forma “Cubo di Rubik”

Con la sentenza del 24 ottobre 2019, il Tribunale dell’UE ha annullato il marchio dell’Unione europea consistente nella forma del cubo di Rubik, celeberrimo “puzzle tridimensionale”. […]