News 2019

Per la prima volta, in Italia, il design di un’autovettura è stato equiparato, ai fini della tutela giuridica, non semplicemente ad un marchio, bensì ad un’opera d’arte, con conseguente applicazione della legge 633/1941 sul diritto d’autore.

Si segnala la rivoluzionaria ordinanza resa dal Tribunale di Bologna, Sezione specializzata in materia di impresa per cui: “la personalizzazione delle linee e degli elementi estetici, hanno fatto della Ferrari 250GTO un unicum nel suo genere, una vera e propria icona automobilistica”. Ed ancora: “il suo valore artistico ha trovato oggettivo e generalizzato riconoscimento in numerosi premi e attestazioni ufficiali’, in copiose pubblicazioni e nella riproduzione artistica su monete e sotto forma di sculture, periodicamente esposte nei musei”.

La conseguenza? Il Tribunale di Bologna ha inibito alla società convenuta specializzata in tuning di riprodurre la forma della 250GTO in rendering e in modelli di autovetture.

Come riportato anche dal sito di lusso RobbReport.com, dove era stato pubblicizzato il rendering, l’azienda convenuta sarebbe stata pronta a lanciare sul mercato una decina di nuove supercar, al prezzo circa di 1mln di euro l’una, che riproducevano – aggiornandolo – il leggendario modello anni ’60.

Proprio per tale ragione, il “Cavallino” è riuscita ad ottenere la più estesa copertura offerta dal diritto d’autore.

21 Giugno 2019

Ferrari: il Tribunale di Bologna tutela il modello 250GTO come opera d’arte

Per la prima volta, in Italia, il design di un’autovettura è stato equiparato, ai fini della tutela giuridica, non semplicemente ad un marchio, bensì ad un’opera […]
19 Giugno 2019

Tribunale Ue: confermata la nullità del marchio Adidas

Il Tribunale U.E. ha confermato la nullità del marchio della società di abbigliamento sportivo Adidas che, come noto, consiste in tre strisce parallele applicate in qualsiasi […]
3 Giugno 2019

Confusione tra prodotti di imprese concorrenti: il caso “Enel Green Power”

Con la sentenza 10205/2019 la Cassazione ha ribadito che la sussistenza della possibilità di confusione fra i prodotti di imprese concorrenti va apprezzata dal punto di […]
31 Maggio 2019

L’usurpazione di titoli industriali è perseguibile anche senza querela

Si segnala la recentissima ed interessante pronuncia della suprema Corte di cassazione – sentenza 30 maggio 2019 n. 24141 – per la quale l’usurpazione del «modello […]