Investment compact: estensione del “patent box”

Investment compact: estensione del “patent box”

Tra le misure introdotte dalla versione “leggera” dell’Investment compact approvato ieri dal Consiglio dei Ministri, si è deciso di potenziare il regime di “Patent Box” già previsto nella Legge Stabilità 2015 (N.B.:di cui si era già data notizia nelleNews del 22.12.2014, 12.11.2014 e 23.10.2014). Nello specifico il regime opzionale di tassazione agevolata per i redditi derivanti dall’utilizzo e/o dalla cessione di alcune tipologie di beni immateriali – quali opere dell’ingegno e brevetti – viene esteso a tutti i marchi, inclusi quelli commerciali, e ai disegni e modelli, superando così le perplessità già a suo tempo manifestate in relazione all’ambito di applicazione della suddetta agevolazione.

In questo modo il Patent box diventa una potente misura di attrazione di investimenti qualificati nella valorizzazione del capitale immateriale, dei marchi e dei modelli industriali, facendo del nostro Paese una potenziale piattaforma per investimenti ad alto contenuto di conoscenza.

Viene anche ampliato il campo di applicazione oggettiva del Patent box aprendo alla possibilità di includere, entro limiti prestabiliti, le attività di valorizzazione della proprietà intellettuale gestite e sviluppate in outsourcing con le società del gruppo.

Comments are closed.