Legge di delegazione europea 163/2017: previsione di importanti novità sui marchi, sui brevetti, sul know how e sulla P.I. in generale

Legge di delegazione europea 163/2017: previsione di importanti novità sui marchi, sui brevetti, sul know how e sulla P.I. in generale

Sono attese significative novità nel settore della tutela I.P.: in pendenza, infatti, dell’obbligo di recepimento della Direttiva U.E. 2016/943 sulla tutela del know-how e dei segreti commerciali entro il 9 giugno 2018, è arrivata la Legge di delegazione U.E. n. 163/2017, la quale introduce modifiche di rilievo a carico di marchi, brevetti e tutela del know how.

A livello di brevetti, la legge di delegazione prevede interventi a carico del Codice della proprietà Industriale, per adeguarne le disposizioni all’introduzione del c.d. Brevetto europeo unitario e al Tribunale Unificato dei Brevetti. Significative, altresì, risultano essere anche le novità introdotte a livello di marchi, dal momento che l’intervento di legge prevede uno vero e proprio favor per i marchi nazionali, i quali vengono equiparati ai marchi comunitari a livello delle tutele attuabili contro la contraffazione dei prodotti.

Si rimarca, inoltre, l’introduzione dei c.d. “marchi non convenzionali” (cioè non suscettibili di rappresentazione grafica: per es. gli odori), nonché i c.d. marchi di garanzia o di certificazione.

Quanto alla delicatissima materia della tutela del know how, si fa presente che il recepimento della Direttiva Europea condurrà ad una sorta di tutela “attenuata” che prevede che chi si sia impossessato abusivamente di informazioni coperte dal segreto possa continuare ad impiegarle pagando un compenso al soggetto leso, quando, invece, la disciplina nazionale, oggi vigente, appare più tutelante, poiché il nostro legislatore attribuisce una vera e propria esclusiva alle aziende sul proprio know-how.

Lascia un commento