Pubblicate in G.U. le indicazioni operative inerenti la gestione del programma di agevolazioni per la valorizzazione economica dei disegni e modelli industriali

Pubblicate in G.U. le indicazioni operative inerenti la gestione del programma di agevolazioni per la valorizzazione economica dei disegni e modelli industriali

Nella G.U. Serie Generale n. 226 del 29 settembre 2014 è stato pubblicato il decreto del 24.07.2014 del Ministero dello Sviluppo Economico, i cui tre articoli contengono le indicazioni operative per assicurare la gestione del programma di agevolazioni a favore delle micro, piccole e medie imprese italiane volte alla valorizzazione economica dei disegni e modelli industriali.

Si rammenta che la riorganizzazione e il conseguente passaggio della gestione del programma di agevolazioni si è reso necessario a seguito della soppressione della Fondazione Valore Italia, inizialmente incaricata di tale compito.

Per assicurare la continuità e il completamento della realizzazione dei servizi è prevista la riassegnazione delle risorse necessarie da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze al Ministero dello Sviluppo Economico. E proprio da tale data di riassegnazione decorrerà il termine di esame delle domande.

Qualora nei termini perentori fissati dalla Direzione Generale per la lotta alla contraffazione – UIBM non verranno inviati i chiarimenti richiesti o gli stessi risulteranno ancora incompleti od insufficienti, si decadrà dall’agevolazione.

Altra precisazione stabilita nel decreto 24.07.2014 è che le fideiussioni bancarie o le polizze assicurative necessarie per l’erogazione della prima quota in acconto delle agevolazioni (con importo pari all’ammontare dell’erogazione) dovranno essere rilasciate a favore dello Ministero dello Sviluppo Economico – Direzione Generale per la lotta alla contraffazione – UIBM. Quelle eventualmente già rilasciate dovranno, invece, essere volturate dai beneficiari entro i 45 giorni dalla pubblicazione del decreto, ossia entro la data del 13 novembre 2014.

La regolarità formale e la completezza delle istanze di agevolazioni, la congruità dei costi e la rispondenza del progetto alle finalità delle misure agevolative verranno successivamente accertati da un’apposita commissione che verrà costituita mediante un emanando decreto direttoriale.

Comments are closed.