Rafforzamento del credito d’imposta per R&S nel Piano Industria 4.0

Rafforzamento del credito d’imposta per R&S nel Piano Industria 4.0

In data 21 settembre 2016, a Milano, alla presenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi e del Ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, è stato presentato il Piano Nazionale Industria 4.0.

Tra le misure incluse, si annovera il rafforzamento del credito d’imposta per la ricerca e lo sviluppo ove il limite di credito massimo per ogni beneficiario passerà dai 5 milioni ai 20 milioni di euro e sarà incrementata – dal 25 al 50% – l’aliquota prevista per le spese interne, pur rimanendo in essere il meccanismo del calcolo incrementale.

Con la misura, gli obiettivi perseguiti dal Governo sono sostanzialmente quelli di mobilitare, nel corso del 2017, investimenti privati per più di 10 miliardi; incrementare la spesa privata aggiuntiva per la ricerca e sviluppo di 11,3 miliardi nel periodo 2017-2020; far aumentare di 2,6 miliardi gli investimenti privati in capitale di rischio.

Il Ministro Calenda ha evidenziato che trattasi di: “un piano nazionale costruito su incentivi fiscali orizzontali. Andranno in soffitta i bandi a pioggia su ricerca e sviluppo. La gestione del piano nazionale e le eventuali correzioni in corsa saranno affidate a una cabina di regia che coinvolge tutti gli attori pubblici e privati“.

Comments are closed.