brand

Quando si pensa alle auto di lusso italiane, vengono in mente due marchi fondamentali: Maserati e Lamborghini. Quest’oggi racconteremo brevemente la storia di queste due storiche case automobilistiche.

Maserati

La casa automobilistica Maserati venne fondata nel 1914 a Bologna da Alfieri Maserati. Il logo, caratterizzato dal tridente rosso su sfondo bianco e la scritta “Maserati” su sfondo blu, nasce effettivamente nel 1926, quando le Officine Alfieri Maserati crearono la loro prima vettura, la Tipo 126.
Su questo veicolo, guidato da Alfieri stesso partecipando a diverse gare internazionali, comparve un tridente rosso stilizzato, che venne poi applicato anche ai modelli creati successivamente.

Nacque quindi la necessità di rendere subito riconoscibili le vetture costruite dalla casa bolognese, il che portò alla creazione del famoso logo. L’idea del disegno fu di Diego de Sterlich Aliprandi, un pilota di origine nobile che al tempo, oltre a correre per Maserati, la sosteneva anche economicamente. Il pilota suggerì di dedicare il logo alla città di Bologna e la scelta ricadde sul tridente, presente sulla statua di Nettuno, sita in Piazza Maggiore; i colori scelti, il rosso e il blu, sono un ulteriore omaggio ai colori della città. Il logo venne quindi disegnato da Mario Maserati, uno dei fratelli fondatori delle Officine; nonostante i diversi restyling subiti nel corso degli anni, il logo è rimasto fondamentalmente invariato.

Lamborghini

La casa automobilistica Lamborghini venne fondata a Sant’Agata Bolognese nel 1963 dall’imprenditore Ferruccio Lamborghini, già produttore di trattori agricoli, caldaie e condizionatori dal 1948.

Il logo, un toro pronto alla carica racchiuso in uno scudo – uno dei marchi più iconici del settore – , rappresenta semplicemente il segno zodiacale del fondatore, oltre che la sua passione per le corride che andava spesso a vedere in Spagna. A conferma di questa affermazione, il fatto che la maggior parte dei modelli di auto prodotti prendono il nome da famosi tori spagnoli.
Oltre a questo, proprio per l’origine dell’azienda di Ferruccio, è stato scelto il toro che evoca la forza e la terra. Inoltre i colori, fondamentalmente il nero – presente in tutte le versioni – e l’oro, raffigurano l’eccellenza e la ricca tradizione aziendale, oltre che eleganza e prestigio; trasmettono inoltre un senso di mascolinità, proprio per il target di riferimento della casa automobilistica emiliana. La forma dello scudo rinforza ulteriormente il senso di nobiltà e prestigio che il marchio vuole comunicare. Infine, la scritta “Lamborghini” posta in alto vuole conferire un equilibrio visivo al tutto.

17 Luglio 2020

Le “ali di gabbiano” di Levi’s sono un marchio protetto

Le cuciture sulle tasche posteriori dei jeans Levi’s, le cosiddette “ali di gabbiano”, sono state dichiarate un marchio da proteggere dai tentativi di contraffazione. La Corte […]
10 Luglio 2020

Il Consorzio del Prosecco sconfigge il “Nosecco”

Il Consorzio del Prosecco ha di recente vinto una battaglia legale iniziata nel 2018 contro il produttore francese Les Grands Chais che commercializza, con il nome […]
1 Luglio 2020

“La Gazzetta del Mezzogiorno”: la vicenda scaturita dalla registrazione del marchio

A 120 anni dalla nascita della storica testata “La Gazzetta del Mezzogiorno”, si sono registrate due iniziative di registrazione del marchio che hanno scatenato l’ira dei […]