Un’altra vittoria per la Vespa: EUIPO dichiara nullo il design cinese

Il gruppo Piaggio ha reso noto che l’invalidity division di EUIPO ha dichiarato nullo il design registrato da un’azienda di nazionalità cinese, usato per giustificare la produzione di scooter molto simili a Vespa, che sono stati esposti all’EICMA 2019, il salone del motore e ciclomotore di Milano e fatti rimuovere dalle autorità competenti dell’ente Fiera Milano su iniziativa di Piaggio.

EUIPO ha motivato la decisione spiegando che la registrazione annullata è “incapace di suscitare un’impressione generale differente rispetto al design registrato” della Vespa Primavera, sottolineando come fosse un tentativo non lecito di riprodurre la sua estetica.

L’azienda di Pontedera ha registrato il design della Vespa Primavera nel 2013; in aggiunta, il modello è tutelato oltre che dal diritto d’autore che tutela il valore artistico della forma della Vespa, diventata un’icona di stile italiano a partire dal 1946, anche dal “marchio tridimensionale” relativo allo scooter Vespa.

© Vespa Primavera – Vespa.com

Piaggio ha aggiunto che questa iniziativa “si inserisce all’interno di una più ampia attività di lotta alla contraffazione che il Gruppo Piaggio intraprende da anni e che prevede il costante monitoraggio delle banche dati di design e marchi registrati a livello internazionale, che, a seguito di procedimenti di opposizione instaurati da Piaggio, ha portato tra l’altro ad ottenere la cancellazione di oltre 50 marchi registrati da terzi negli ultimi due anni”.

A settembre ha infatti destato stupore un’altra sentenza, questa volta della Corte UE, che aveva sì confermato la decisione di EUIPO, dando però ragione all’azienda cinese – che a sua volta aveva accusato Piaggio di aver copiato il modello. Questa sentenza spiegava che nonostante fosse “Dominato da linee sostanzialmente spigolose”, lo scooter italiano “presenta numerose e significative differenze” con l’originale (cinese), respingendo a tutti gli effetti la richiesta del gruppo italiano che a quel punto, ha presentato ricorso.

Lascia un commento